Il “torrone” di Ragazzoni e altre ville sul lago d’Orta

“La stravagante originalità architettonica di Villa Crespi, che per un certo periodo si chiamò anche Villa Pia, ha stimolato la fantasia del più autentico cantore della scapigliatura padana, Ernesto Ragazzoni (1870 – 1920), giornalista e poeta, che arrivando da Roma… Continue Reading

Panni stesi e borghigiani nell’Orta che fu e l’apoteosi del Ragazzoni

Panni stesi e l’ozio benevolo dei borghigiani sulla piazza di Orta all’inizio del 1900 Da notare accanto al Palazzotto il vespasiano, poi rimosso, che ispirò la celebre poesia del Ragazzoni (Orta, 1870 – Torino, 1920) sui culi d’Orta:

Quei fantasmi d’arcobaleni in un inverno di Ernesto Ragazzoni ad Orta nel 1919

(…) Erano stagioni di languore, di luci indolenti e stanche, ma una carezza tepida di vapori tenui, – si sarebbero detti fantasmi d’arcobaleni – lentamente sfiorava le acque silenziose e i colli, e n’erano ancora avvivate un poco le tinte… Continue Reading

Ernesto Ragazzoni: qualche poesia, qualche voce a leggerlo

“Ernesto Ragazzoni (Orta, 1870 – Torino, 1920) non fu un uomo celebre qualunque. Straordinario dissipatore di se stesso e del suo talento, fu il poeta dei buchi nella sabbia e delle pagine «invisibilissime» (cioè non scritte) . La poesia di Ragazzoni… Continue Reading