La leggenda della Madonna del Sasso sopra Alzo

La leggenda della Madonna del Sasso sopra Alzo
Estratto da:  Nino Bazzetta de Vemenia: Storia del lago d’Orta  (1911)

Sulla sponda occidentale del Lago d’Orta, in alto di una scoscesa rupe a picco, a paurosa altezza, si erge il Santuario della Madonna del Sasso così detto dall’alta rupe su cui sorge.

È dal piazzale di questo santuario che S.M. il Re col suo Stato Maggiore seguì lo svolgersi dell’ultima fase delle grandi manovre del 1907, ed è appunto alla vista di quel grandioso panorama che si palesò ammiratore del bacino del lago d’Orta deplorando che quel lembo di terra italiana fosse così poco conosciuto.

L’erezione di questo santuario si collega ad una leggenda paurosa che non è raro sentir narrare nei paesi circonvicini.
Ferdinando Villa di Novara nella rivista Verbania del mese di febbraio 1911 così narra la leggenda:

La storia della Riviera ci apprende quanti padroni abbia mai avuto questa povera regione. Benché in realtà non fosse che un feudo dell’episcopato di Novara, pure tuttavia sovente cambiava padrone nominale ora essendo gli svizzeri, ora gli inglesi, ora gli Sforza, ora il vescovo, ora nessuno.

Al tempo in cui ha riferimento la leggenda che sto per narrare, erano passate di là le soldatesche inglesi. Fra i soldati nativi della Riviera vi era un giovane valorosissimo di nome Aicardo che era salito a grande celebrità per le sue prodezze in vari assedi: alla rocca d’Arona, a Novara, a Pavia. Tornato al suo lago dopo il servizio militare, innamoratosi d’una bellissima ragazza di nome Maria, figlia d’una taverniera di Pella, l’ebbe presto in sposa.
Il bravo giovane era oltre ogni dire felice, e solo si accorava quando, dovendo ripartire da casa, gli toccava lasciar la giovane sposa sola con la vecchia madre, perciò quando si assentava per molti giorni, nascondeva la sposa insieme alla vecchia madre sullo scoglio sporgente della montagna del Sasso, proprio ove ora sorge il Santuario.

In tutta la Riviera era celebre la bellezza di Maria tanto ch’ella era divenuta il tema delle canzoni che si cantavano la sera sulle allegre barche del lago. Ma da qualche tempo s’andava mormorando d’un soldato inglese che sovente compariva nei dintorni di Pella e che si vedeva soffermato a guardare la bella Maria ed a seguirla lungo la sponda del lago. L’inglese era un soldato di ventura, avanzo di qualche drappello sceso a combattere in Italia ed era grande amico di Aicardo poiché gli aveva salvato la vita sotto le mura di Pavia.

Un giorno mentre Aicardo e l’inglese passeggiavano sulla riva del lago discorrendo delle nuove taglie che Anchise Visconti aveva imposto agli abitanti della Riviera, giunti sulla piazza di Pella. Aicardo, di botto, avvicinatosi ad un gruppo di persone, chiese se nessuno voleva seguirlo alla rocca d’Angera per un’ambasciata presso il Visconti onde vedere di essere dispensati dal pagamento delle nuove taglie.

La domanda parve a tutta prima ardita, poiché tutti conoscevano il peso delle catene e l’umido eterno dei sotterranei della rocca, ma alle insistenze di Aicardo due o tre fra i più coraggiosi accettarono di accompagnarlo. L’inglese non credette di fare altrettanto dicendo che la sua presenza avrebbe ostacolata l’ambasciata, poiché il nome della sua nazione era poco beneviso al duca e meno ancora al governatore della rocca.

Il dì seguente Aicardo partì alla volta della rocca d’Angera accompagnato dai suoi compaesani, e non volle per quella volta che la sposa e la madre si rifugiassero sulla montagna del Sasso, confidando nella sorveglianza promessa dall’inglese.

Anchise Visconti, governatore della rocca d’Angera accolse con gentilezza gli ambasciatori, udì le loro rimostranze, lodando la bravura e l’intrepidezza degli abitanti della Riviera e trovò anche giusto che non dovessero pagare le nuove taglie. Ma quando l’udienza fu finita fece cenno ad un bravo e nell’uscire Aicardo ed i suoi compagni si trovarono accerchiati da una ventina di sgherri che li legarono e li rinchiusero in una sala ampia ed oscura. I compagni di Aicardo, che si videro perduti sfogarono contro di lui tutta la loro rabbia, addossandogli la responsabilità dell’avventura, e qualcuno osò anche fare cenno a sua moglie ed all’inglese. Aicardo, che prima non aveva mai risposto, al nuovo insulto ruggì una maledizione contro il compagno e con uno sforzo supremo spezzò la corda che gli teneva legate le mani, staccò una delle scimitarre pendenti dalle pareti e stava per precipitarsi su colui che aveva ferito il suo cuore, quando la porta della sala si aprì.

Precipitarsi all’uscita, uccidere gli sgherri sbalorditi dell’inaspettato assalto e fuggire fu per Aicardo un attimo.

Intanto Anchise Visconti, edotto dell’insubordinazione dei rivieraschi, aveva subito spedito al lago d’Orta numerosa soldatesca con l’ordine di saccheggiarne i paesi. Difatti la sera stessa varie bande arrivarono per diverse vie alla Riviera e una masnada si pose a saccheggiare Orta, un’altra l’Isola, mentre altri drappelli s’erano riversati sui paesi circonvicini.

Fra questi Pella si vide piombar addosso una masnada di brutti ceffi che saccheggiarono ed incendiarono le case uccidendo quei pochi che cercavano difendersi e violentando donne e fanciulle. Quattro di quei bruti avevano assalito l’osteria di Aicardo. Maria s’era rifugiata nella sua camera che dava sulla montagna. Dopo aver malmenato la madre ruppero tutto quanto capitò loro per le mani, indi salirono al piano superiore e colla furia d’un fulmine si precipitarono sulla camera di Maria fracassandone il fragile uscio. Maria era sotto il letto più morta che viva e già credeva d’essere salva, perché alcuni erano già usciti, quando si sentì tirare per un lembo di veste.

«Finalmente! eccone una qua sotto» aveva gridato un soldato. Allora tutti le furono attorno, la tirarono per le gambe fuori del nascondiglio e la collocarono ridendo sul letto. In quel mentre l’inglese, armato di tutto punto, piombò come una saetta nella camera: in tre colpi stese al suolo tre di quei birbanti e dopo aver messo in fuga l’altro, balzò dalla bassa finestra nel sottostante cortile, e scomparve sulla montagna.

La madre ebbe appena, tempo di vederli su in alto, ad un risvolto. Li chiamò, ma inutilmente. Intanto il saccheggio era finito ed i soldati erano partiti per fare buon bottino in altro paese. All’alba del giorno seguente, Aicardo giunse trafelato all’osteria che trovò deserta. Chiesto di Maria gli fecero cenno alla montagna e qualcuno sogghignando gli disse di avere visto la sua sposa in braccio all’ inglese.

Aicardo allora si slanciò come una belva fuori di casa e s’arrampicò sulla montagna del Sasso, al nascondiglio che aveva cercato per Maria nei tempi procellosi. Giunse presto alla casupola e là trovò Maria sola, stesa sopra un po’ di paglia. Non le parlò, solo le rivolse uno sguardo fiero.

«Mio Dio che viso! Aicardo! Aicardo!» gridò Maria.

«Alzati e seguimi» mormorò il guerriero.

Maria si lasciò trascinare pel braccio dal soldato che la condusse fin sulla estrema punta dello scoglio altissimo che domina la Riviera e scende a precipizio fin quasi nel sottostante lago. Lo scoglio era così stretto che a mala pena poteva starci una persona.

«Avanzati» disse Aicardo spingendola verso il lembo, «ed in ginocchio».

Maria si abbassò, s’aggrappò alla nuda roccia, toccò l’estrema punta e chiuse gli occhi per le vertigini che l’abisso produceva.

«Raccomanda la tua anima a Dio». Maria si volse trasognata.

«Che!» urlò al colmo dello spavento, «ma questo è un delitto, io non ho commesso alcun male. Aicardo, Aicardo, io sono innocente!»

Ma Aicardo sogghignò e tacque. Si asciugò in fretta una lagrima, indi le diede un urto e fuggì. La povera Maria precipitò col capo all’ingiù. In quello stesso momento l’inglese entrava nella casupola, e vedendola vuota, si precipitava fuori. Ma eccogli Aicardo dinanzi! Aicardo alla vista del suo traditore gli si avventò contro e prima che questi avesse potuto profferir parola, lo ferì con un lungo pugnale. L’inglese cadde. Aicardo allora, contento della vendetta, prese a ritornare in paese.

Ma non aveva fatto che poca strada quando si abbatté nella madre che insieme ad altri paesani si dirigeva al Sasso. Vedendolo tutto scarmigliato e macchiato di sangue, quelli compresero che qualcosa di grave era successo, ma non ebbero nemmeno tempo di muovergli domanda ch’egli già raccontava l’accaduto.

«Ah! miserabile, tu hai commesso due delitti» gridò piangendo la madre.

«Erano tutti e due innocenti. L’inglese aveva salvato Maria dalle mani dei saccheggiatori, l’aveva condotta al rifugio ed era tornato in paese per aiutar me».

«Maledizione!» ruggì Aicardo e corse verso il precipizio. La leggenda dice che Maria nel cadere si era aggrappata ad una debole pianticella che usciva dalla roccia ma quando vide la testa di Aicardo sporgere dalla punta del precipizio, fu tale il suo spavento che abbandonò il ramo e precipitò nell’abisso.

La triste fine della bella Maria fu compianta in tutta la regione: dapprima sul luogo fatale si piantò una croce, indi poco discosto si innalzò una piccola chiesa che, ampliata a poco a poco, divenne l’attuale grande santuario. (….)

(immagini tratte dal web)

Articoli correlati