I sentieri del lago d’Orta: ORTA – PELLA (1)

Girolago i sentieri del lago d’Orta
L`ANELLO AZZURRO: ORTA – PELLA

Sacro Monte di Orta- Pella

Percorribile: a piedi  lunghezza: 14,0 km
Paesi toccati: Orta, Legro, Corconio, Bolzano, Gozzano, San Maurizio, Lagna, Pella

Il punto di partenza è il Sacro Monte di Orta. Scendiamo in direzione della strada regionale 229 e proseguiamo in salita in direzione di Legro.
Dopo la stazione di Orta-Miasino, proseguiamo sempre diritto seguendo per la Strada della Prisciola e superando sulla destra l`Hotel Villa San Francesco. Proseguiamo fino ad incontrare la strada sterrata che ci condurrà alla chiesa di Santo Stefano a Corconio.


Risaliamo ora verso il cimitero di Corconio fino ad incontrare la strada provinciale. Qui scendiamo fino al ponte sulla linea ferroviaria e svoltiamo a destra: subito dopo la cascina prendiamo la strada sterrata che sale a sinistra.


Superiamo la fonte Bersanella e sbuchiamo in Via Artogno a Bolzano Novarese. Allo stop svoltiamo a destra e seguiamo fino allo stop successivo lungo Via Mario Motta. Qui svoltiamo di nuovo a destra e raggiungiamo in breve l`imbocco di Via Marangoni che conduce al Lido di Buccione (ndr. più conosciuto come Lido di Gozzano).
Raggiungiamo il porticciolo del golfo di Buccione scendendo lungo lo sterrato della Via Fransisca. Svoltiamo ora a sinistra e proseguiamo costeggiando il lago: sulla nostra destra possiamo ammirare numerosi canneti, l`Isola di S. Giulio ed il Colle con la Torre di Buccione. La strada non presenta particolari difficoltà essendo tutta pianeggiante.


Dopo 2 km circa raggiungiamo Cascina Fara sulla nostra destra, mentre a sinistra vi è un sentiero che sale fino alla Chiesa della Madonna di Luzzara.


Proseguendo oltre inizia un tratto di strada asfaltata che sbuca in Via F.M. Beltrami della frazione Pascolo di San Maurizio d`Opaglio. Una salitella ci separa dall`incrocio con la strada che a sinistra sale verso Sazza. Proseguiamo sempre diritto seguendo Via 6° Brigata Nello e attraversiamo le strette vie dell`abitato di Pascolo.
Arrivati a fianco del ristorante da Venanzio si diparte un viottolo sterrato che prima sale leggermente e poi spiana.
Ci troviamo a Punta Casario, poco oltre un cartello ci segnala, a sinistra, la strada che sale alla Fontana di S. Giulio. Il sentiero prosegue fino quasi a scomparire in un cancello: in realtà un sentiero molto stretto a ridosso del muro di cinta costeggia la villa Guadagnini. Dietro alla villa troviamo una pineta ed una spiaggetta dalla quale si gode una vista meravigliosa dell`Isola di S. Giulio.
Proseguiamo oltre, dopo una prima casetta recentemente ristrutturata sulla sinistra protetta da un alto cancello possiamo ammirare la Villa Castelnuovo: la strada si stringe un pochino tra due siepi fino a quando si arriva alla base di una salita sterrata della lunghezza di poco più di 100 metri ma abbastanza impegnativa.
In cima alla salita termina la strada sterrata e sbuchiamo in Via Fratelli Di Dio nella frazione Lagna di San Maurizio d`Opaglio.
Oltrepassiamo sulla nostra destra la Chiesa di San Rocco e proseguiamo svoltando a sinistra e attraversando il piccolo torrente fino ad arrivare alla strada provinciale 48 Lagna – Pella.
Svoltiamo ora a destra in direzione dell`abitato di Pella e raggiungiamo la frazione di Roncallo al Lago. Poco oltre, presso la frazione Prorio a sinistra, possiamo ammirare l`antica Chiesa di San Filiberto. Proseguendo sulla strada raggiungiamo il centro storico di Pella.

testo tratto da lagodorta.net

Articoli correlati